Maurizio Sacquegna

foto mauriMaurizio Sacquegna nasce a Soave il 06/11/1984. Conseguita la maturità artistica si è laureato alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Padova nel corso di “Storia e tutela dei beni musicali” con tesi di Laurea riguardante trascrizione ed edizione di musiche inedite del musicista veronese rinascimentale Giovanni Matteo Asola. Con questo lavoro ha avviato una collaborazione col prof. Antonio Lovato (docente nell’ateneo patavino) che porterà all’edizione critica dell’opera omnia di questo importante autore veneto. Attualmente è laureando del corso di laurea in musica e arti performative nella medesima università e iscritto al corso in Direzione di Coro e Composizione Corale al conservatorio Arrigo Pedrollo di Vicenza. Ha svolto attività di approfondimento sul canto gregoriano col M° Lanfranco Menga e sulla vocalità funzionale col M° Luciano Borin.

Dal 2001 è direttore dello storico Coro Piccola Baita di San Bonifacio. Dal 2003 è direttore del Gruppo Vocale Novecento un coro composto da sole voci virili il cui repertorio si fonda sulla polifonia rinascimentale. La particolarità del Gruppo Vocale è quella di essere uno dei pochi cori in Italia ad affrontare tale repertorio secondo la sua prassi originaria proprio perché composto da sole voci maschili. Nel 2005 fonda la sezione femminile del Gruppo Vocale Novecento. Dal 2007 è direttore del coro del liceo Antonio Maria Roveggio di Cologna Veneta (VR). Dall’ottobre 2009 è stato assunto come direttore per la corale San Giovanni Battista di Locara (VR). Dal 2012 è docente di educazione musicale e canto corale presso l’UNIVIA di Vicenza nella sede di Montecchio Maggiore (VI). Dal settembre 2012 fa parte come BARITONO di ESACONSORT.

 

PREMI, RICONOSCIMENTI E IMPORTANTI PARTECIPAZIONI
Nell’Ottobre del 2004 con il gruppo vocale Novecento vince il premio per la migliore esecuzione di un brano a carattere sacro al III° festival della coralità veneta.
Il 3 giugno 2007 l’A.M.G.V.N. ha partecipato al VI Concorso Nazionale di Canto Corale “Città di Zagarolo” aggiudicandosi il premio speciale “Domenico Ceri” per la migliore esecuzione del brano rinascimentale, per l’occasione l’ Offertorio “Domine Jesu” tratto dall’”Officium defunctorum” del 1605 di Tomàs Luìs de Victoria.
Fascia di distinzione al“5°Festival della Coralità Veneta” (2008).
Tra le importanti partecipazioni musicali degli ultimi anni si è visto il coro impegnato alla IV edizione del Festival della musica corale “Nella città dei Gremi”, svoltosi il 29 settembre 2007 a Sassari.
Ha partecipato (su invito) al Gran Premio Corale “Francesco Marcacci” tenutosi a Montorio al Vomàno (Teramo) l’ 8 dicembre 2007.
Fascia di distinzione al“7°Festival della Coralità Veneta” (2012).
Il 19 maggio 2013 a termine del concorso nazionale corale di Quartiano (Lodi) ove la sezione maschile dell’ associazione musicale “Gruppo Vocale Novecento” raggiunse la fascia d’oro, fu insignito dalla giuria, del premio speciale Mons. Alfredo Bravi come direttore.
Risale al 26 ottobre del 2013 il terzo premio assoluto vinto con il G.V. Novecento al prestigioso concorso nazionale corale di Stresa (VB).

INCISIONI DISCOGRAFICHE
All’inizio del 2009 risale la prima incisione discografica: un’opera antologica sulle musiche di Tomàs Luis de Victoria con etichetta “Raimbow Classics”.
Ad Aprile dello stesso anno, in collaborazione con l’orchestra “Alio modo ensemble”, diretta dal maestro Silvano Perlini, esegue per la prima volta in epoca contemporanea l’opera: “Per le tre ore di agonia di Nostro Signore” dell’autore Veronese Giuseppe Gazzaniga; anche in questa occasione fu effettuata un’incisione discografica con etichetta “Raimbow Classics”.
Nel 2010 si ha la produzione di un cd con etichetta “Raimbow Classics” contenente una Messa il si bemolle di Antonio Lotti (1667-1741) per tre voci, continuo e due violini e i 3 Crucirfixus a 6, 8 e 10 voci del medesimo autore.

PUBBLICAZIONI
Il 3 maggio 2013 in Biblioteca Capitolare di Verona ha presentato in diretta su “Telepace” una sua pubblicazione contenente l’edizione con la trascrizione inedita del manoscritto DCCLVII conservato nella Biblioteca capitolare di Verona e contenente musiche del XV°secolo di autori del calibro di Josquin des Prez, Alexander Agricola, Johannes Tinctoris, Heinrich Isaac.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: